Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Essi consentono, inoltre, di offrire pubblicità su misura e collegamenti ai social network. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie». Proseguendo la navigazione su questo sito, acconsentite all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

10:00 - 22:00 dal Martedì alla Domenica

Salva

Salva

Salva

Le News

In un tempio dell'eccellenza

Montefiascone è un luogo ideale per chi vuole trascorrere una vacanza tra arte e natura nella Tuscia (provincia di Viterbo). La sua posizione consente di raggiungere velocemente Viterbo, il capoluogo, a soli 13 Km:; Roma a 100 Km.; Orvieto, 30 Km.; Bolsena a12 Km; e Firenze a 150 Km.

Le opportunità sono veramente tante: Il lago di Bolsena a 3 km offre tutti i confort dell'intrattenimento con la possibilità di praticare vela, carp fishing, montain bike e trekking a piedi e a cavallo nella cosiddetta "Valle Perlata" o nei tanti meravigliosi percorsi che il luogo ci offre. Inoltre, una ricca e variegata gastronomia di carne e di pesce, intrattiene l'ospite in ogni realtà di ristorazione presente.

Ma in particolar modo, Montefiascone è famosa per il suo vino EST EST EST. Dalla coltivazione d'uva da vino, si è sviluppata la fiorente industria enologica, specializzata nella produzione dei pregiati vini locali. E' proprio sulla qualità del vino locale che si incontrano storia e leggenda. Nel 1111 il nobile tedesco Giovanni Defuck, in avanscoperta per la scesa a Roma dell'imperatore Enrico V, appassionato degustatore di vini prelibati, si fermò a Montefiascone. Il compito era quello di assaggiare il vino in ogni locanda che si trovava lungo il percorso che doveva seguire l'Imperatore.

Qualora la locanda offrisse vino di buona qualità, doveva essere contrassegnato con la scritta EST. Il messo fu così convinto della bontà del vino locale trovato a Montefiascone, che contrassegnò il luogo ripetendo tre volte la scritta EST. Anzi, fu tale l'apprezzamento del vino, che il nobile tedesco decise di soggiornare a Montefiascone, e tanto ne bevve che nel 1113 ne morì , lasciando i suoi beni alla comunità di Montefiascone con la clausola che ogni anno, sulla sua tomba collocata nella Basilica di San Flaviano, dovesse essere versato un barile di quel vino che tanto aveva apprezzato in vita. Tuttora, come reminiscenza in ricordo di quella tradizione che andò avanti fino al Concilio di Trento, nella prima quindicina di agosto, si svolge a Montefiascone la tradizionale festa del vino, una piacevole occasione per degustare i vini locali. Montefiascone è collocata sulla caldera vulcanica del lago di Bolsena. Oltre agli stupendi luoghi naturali, storia e arte sono in ogni angolo della città. Attraverso i suoi stupendi monumenti possiamo ripercorrere tutta la storia. Dapprima "Pagus" etrusco, poi territorio dei Falisci, prese probabilmente dal loro insediamento la denominazione "Mons Faliscorum" da cui sarebbe originato l'attuale nome di Montefiascone. Nel 1168, Montefiascone(Entrato a far parte del dominio della chiesa forse già dall'VIII sec.) fu ceduta da Papa Alessandro III a Giovanni di Vico che lo cedette a sua volta a Raimondo Tuscolo.

Ma né lui ne altri riuscirono ad impossessarsene veramente. Prima Federico II nel 1240, poi i ghibellini nel 1252, e dal 1321 al 1364 ci fu una breve dominazione da parte della vicina Viterbo.

Nel 1369 Montefiascone, per la fedeltà sempre dimostrata alla chiesa, fu insignita da papa Urbano V del titolo e della dignità di Città e di Sede Vescovile. Fra i numerosi ospiti illustri che soggiornarono, durante i loro spostamenti a Montefiascone, si annoverano papa Clemente VII e lo stesso imperatore Carlo V. Con l'arrivo di Papa Alessandro VI Borgia la città acquistò un nuovo aspetto. Venne ristrutturata la Rocca che già dai tempi delle invasioni barbariche aveva dato protezione agli abitanti attraverso le sue possenti Mura. Molte migliorie vennero così apportate non solo alla rocca ma anche ad altri monumenti cittadini.

Un periodo d'oro per l'architettura, che vide partecipi artisti del calibro di Michelangelo, Bramante e Sangallo il Giovane. In parole povere un'assidua presenza di personalità ecclesiastiche e non, che fece trasformare Montefiascone in una continua meta anche degli esili pontefici. La storia più recente vide passare la città sempre più all'ombra del Colosseo. In particolar modo con l'unità d'Italia, l'incameramento dei beni ecclesiastici da parte dello Stato italiano, e la scomparsa di confraternite, comunità monastiche e religiose in genere, trasformò la città, ridimensionandola ad un ruolo secondario e di dipendenza dal capoluogo.

Di tutto questo, dei secoli più vivi che caratterizzarono Montefiascone, rimangono i tanti monumenti visibili. Primi fra tutti La Basilica di San Flaviano, Il Duomo intitolato a Santa Margherita e la Cripta di Santa Lucia Filippini, il Palazzo Comunale, la Rocca e il Forte San Gallo. Fuori le mura è importante ricordare la chiesa o Tempietto di Monte d'Oro. Ma alle parole scritte, senza dubbio, vi consigliamo una visita sul posto per capire ed assaporare tutto quello che si trova a Montefiascone. In poche parole "Montefiascone, una vacanza all'insegna dell'arte e della natura, non dimenticando mai il buon cibo e soprattutto il buon vino”.

Le nostre guide turistiche specializzate effettuano:

visita guidata per gruppi adulti a Montefiascone
visita guidata per gruppi terza età a Montefiascone
visita guidata per gruppi scolastici a Montefiascone

Per informazioni Enoteca Provinciale Tuscia

Dove Siamo

Rocca dei Papi, 01027 Montefiascone - (VT) - Italia

Vai alla Mappa

Orari

Mar - Gio: 10:00 - 22:00

Ven - Sab: 10:00 - 24:00

Dom: 10:00 - 23:00

Contatti

Telefono: +39 349 7714071

Email: prenotazioni@enotecaprovincialetuscia.com