Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Essi consentono, inoltre, di offrire pubblicità su misura e collegamenti ai social network. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie». Proseguendo la navigazione su questo sito, acconsentite all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

10:00 - 22:00 dal Martedì alla Domenica

Salva

Salva

Salva

Il Museo

In un tempio dell'eccellenza

 

Diretto dalla Dott.ssa Valentina Berneschi, è un centro studi adibito a museo. L'ingresso è a pagamento con un Ticket di € 2,50 - ridotto € 1,50. Acquistabile anche presso l'Enoteca Provinciale Tuscia. E' possibile anche il Biglietto Gruppi

Sotto l’impulso dell’arch. Pitrè, una squadra composta da personalità di primissimo livello, ha approfondito gli studi sull’opera sangallesca stringendo, contemporaneamente, rapporti con tutto l’ambiente accademico nazionale.

La figura di Antonio da Sangallo il Giovane è stata introdotta dalla storica dell’arte Livia Narcisi, che nella sala di presentazione del museo, ha raccontato la vita, il processo di formazione e le principali opere dell’architetto Fiorentino.

Nel pannello “Antonio a Firenze” viene studiata la “formazione” attraverso l’esperienza maturata presso un “maestro di legname” e l’ereditata architettonica di Filippo Brunelleschi. Raccontando “Antonio a Roma” vengono presentati gli studi delle “antichità romane” attraverso Vitruvio, il fondamentale ruolo di Paolo III Farnese e le collaborazioni con artisti ed architetti del “Rinascimento Romano”.

Nel pannello “I luoghi di Antonio da Sangallo il Giovane nel Patrimonio di San Pietro in Tuscia” sono esposti i principali interventi realizzati nel viterbese. Gli approfondimenti sulle opere d’interesse locale sono stati curati dall’arch. Cristiano Tabarrini, attraverso le “rielaborazioni virtuali” dei progetti sangalleschi per la distrutta città di Castro. Il Palazzo della Zecca e il maestoso Palazzo dell’Hostaria-Palazzo Ducale sono stati ricostruiti, oltre che in un pregevole modello ligneo, attraverso una inedita visita virtuale, a completamento dell’esposizione di numerosi progetti per edifici civili e religiosi. Gli studi di questa sala hanno trovato naturale sviluppo negli allestimenti della sala dedicata ai Palazzi ed all’Architettura Civile e della sala più scientifica, quella dedicata alle Macchine da Cantiere ed alle Tecniche Costruttive.

In un altro ambiente del museo sono presentate le Macchine da cantiere e le Regole Costruttive delle cupole autoportanti di “mezzane a foglio” di origine sangallesca. Curatore della sala è il Prof. arch. Massimo Ricci (docente universitario di fama internazionale e consulente per l’UNESCO) che, in linea con gli studi sull’architettura brunelleschiana (la Cupola di Santa Maria del Fiore a Firenze, costituisce l’archetipo delle cupole autoportanti costruite nel ‘500), ha approfondito le conoscenze sulle cupole attraverso plastici e ricostruzioni virtuali. La sala conserva pregevoli modelli di cupole (compresa quella di Montedoro a Montefiascone) e macchine da cantiere di ispirazione sangallesca.

Lezioni teoriche sull’architettura civile vengono approfondite nella sala curata dal Prof. Gabriele Morolli, (Docente di Storia della Critica e della Letteratura Architettonica presso la Facoltà di Architettura di Firenze), attraverso un “percorso didattico” incentrato sui capisaldi che ogni apprendista architetto era chiamato a far propri nel corso del suo tirocinio presso qualsivoglia grande bottega architettonica rinascimentale. Un nuovo accuratissimo modello ligneo della versione sangallesca di Palazzo Farnese a Roma, affianca il calco in gesso esistente e completa l’allestimento della sala.

A completamento del percorso troviamo gli approfondimenti sull’Architettura Religiosa curati dalla Prof.ssa Micaela Antonucci, docente presso l’Università di Roma “Tor Vergata”. Attraverso nuovi pannelli didattici e filmati inediti sul modello ligneo sangallesco della Basilica di San Pietro, la curatrice presenta le diverse tipologie di chiese a pianta centrale ed a pianta basilicale, realizzate dal Sangallo a Roma ed in tutto lo Stato Pontificio. All’interno del percorso museale è stata, inoltre, ricavata una nuova sala in cui, a fianco di alcuni esempi dell’architettura militare sangallesca curati dalla Prof.ssa Micaela Antonucci, viene presentato lo stato delle conoscenze sulle origini storiche e architettoniche della rocca di Montefiascone a cura dello storico dott. Gabriele Bartolozzi Casti.

Bibliografia
FROMMEL C. L. 1994, “The architectural drawings of Antonio da Sangallo the younger and his circle”, Voll 1-2, New York.
GIOVANNONI G. 1959, “Antonio da Sangallo il giovane”, Roma, Voll. I-II.
TABARRINI C. 2007, “Antonio da Sangallo il Giovane – Disegni per Castro del Duca di Castro”, Bolsena, Quaderno n. 5. Montefiascone.
Artecittà - Museo dell'Architettura di Antonio da Sangallo il Giovane.
Montefascone città d'arte, cultura e tradizione.


Dove Siamo

Rocca dei Papi, 01027 Montefiascone - (VT) - Italia

Vai alla Mappa

Orari

Mar - Gio: 10:00 - 22:00

Ven - Sab: 10:00 - 24:00

Dom: 10:00 - 23:00

Contatti

Telefono: +39 349 7714071

Email: prenotazioni@enotecaprovincialetuscia.com